CONSIGLIO FIR: FONDI PER LO SVILUPPO DEL RUGBY DI BASE

FIR Informa

Il Consiglio Federale FIR si è riunito venerdì 10 dicembre a Roma per l’ultima seduta del 2022. Nel corso dell’assise, l’organo di governo del rugby italiano ha definito un accantonamento straordinario di quattro milioni di euro sul bilancio 2021, destinati a progetti funzionali allo sviluppo strutturale del rugby di base in Italia.

Ulteriori seicentomila euro sono stati accantonati per le progettualità di competenza della Commissione “Rilancio del Sud”, coerentemente con la volontà della governance di rispondere in modo tangibile alle sfide specifiche dei territori.

L’utilizzo dei fondi sarà, di volta in volta, definito sulla base di progetti presentati dalle Società o sviluppati dalla FIR stessa e dalle proprie strutture territoriali. Il Consiglio ha approvato unanimemente gli accantonamenti, per un totale di quattro milioni e seicentomila euro che saranno messi a disposizione di una crescita organica dell’intero sistema rugbistico nazionale.

«Il rugby italiano ha nelle proprie differenze di storia, cultura e tradizione un grande potenziale. Le Società, di ogni livello, ci chiedono di aiutarle a raggiungere i loro obiettivi, i loro sogni. Il Consiglio Federale, in ogni sua componente, con queste decisioni ha affermato con forza che questi sono gli obiettivi e i sogni che vuole perseguire. Ringrazio tutti i Consiglieri per aver rispettato il mandato che ci è stato conferito, marcando con questi nuovi accantonamenti straordinari uno storico cambio di marcia. La capacità di innovare, partecipare, progettare di ogni singola Società sarà sostenuta, per le proprie specificità e per il valore complessivo sull’ecosistema rugbistico del nostro Paese, per crescere tutti insieme, come un’unica squadra composta da oltre centomila compagni. L’accantonamento di oltre quattro milioni di euro, che il Consiglio ha fortemente voluto, va a delineare un orizzonte su cui non vogliamo mettere limiti. La Federazione e tutti i suoi Club vogliono cambiare il futuro.»

Marzio Innocenti, Presidente Federazione Italiana Rugby